Informazioni sull’autore

Michele Lupetti

Michele Lupetti

Colui che nel lontano 2006 ideò tutto questo. Beatlesiano da sempre (corrente-Paul Mc Cartney) coltiva strane passioni cinematografiche e musicali mescolando Hitchcock con La Corazzata Potemkin, Nadav Guedj con i Kraftwerk. I suoi veri eroi, però, sono Franco Gasparri, Tomas Milian, Maurizio Merli, Umberto Lenzi... volti di un'epoca in cui sarebbe stato decisamente più di moda: gli anni '70

Articoli correlati

  • Gaetano Rossi

    chiunque se iscritto ad un partito ha diritto a dire la propria..
    ripensiamo al significato del termine “democratico” che molti impugnano ma poi non rispettano…
    la strada da fare a Castiglioni è ancora molta prima che si possa tornare alla normalità

  • danilo serafini

    Giusto quel che dice signor Gaetano; il problema è che nel caso citato l’iscrizione proprio non c’è, almeno a Castiglion Fiorentino. Ma io voglio comunque essere più elastico: ognuno ha diritto a dire la propria, anche se non iscritto a niente!… ma ci deve sempre mettere la faccia! In questo paese le sigle e le associazioni anche fantasma, a vario livello, brulicano e non da ora: dietro di loro, a seconda dei casi, UNO-NESSUNO-CENTOMILA…così molti sassi non conosceranno mai(forse)la mano di chi li ha gettati, e qualcuno si gonfierà il petto per questo…forse è un’esasperazione della famosa privacy, ove non si tratti di vigliaccheria bella e buona. In quel comunicato del 29 maggio si offendevano le persone riducendole a “nomi” in balìa chissà di chi o di che cosa: visto che va di moda pretendere o chiedere le scuse, dal Golfo di Posillipo fino alle nostre latitudini, un gesto di educazione sarebbe stato lecito aspettarselo da chi, forse troppo preso dal casuale prossimo appuntamento elettorale, si era lasciato andare un tantino la mano. Chiaramente questo non è successo: ebbene il mio “NOME” io,così come fanno altri, lo rivendico con forza al cospetto di chi sa invece che il proprio, dopo le note vicende della primavera 2014 – dal carattere da una parte grottesco e dall’altra dannosissimo proprio per il paese “tanto amato” – è meglio nasconderlo dietro un logo colorito: Danilo Serafini!
    (p.s. Concordo con lei, Signor Giacomo, che il traguardo da perseguire con forza è tornare alla normalità…su più fronti!)

  • Gaetano Rossi

    lei è sempre incisivo e interessante da leggere signor Danilo
    l’atteso ritorno della normalità ci farà felici tutti e condivido il “su più fronti..”

© 2017 Valdichianaoggi.it. Tutti i diritti riservati. | Credits Appare