Informazioni sull’autore

Michele Lupetti

Michele Lupetti

Colui che nel lontano 2006 ideò tutto questo. Beatlesiano da sempre (corrente-Paul Mc Cartney) coltiva strane passioni cinematografiche e musicali mescolando Hitchcock con La Corazzata Potemkin, Nadav Guedj con i Kraftwerk. I suoi veri eroi, però, sono Franco Gasparri, Tomas Milian, Maurizio Merli, Umberto Lenzi... volti di un'epoca in cui sarebbe stato decisamente più di moda: gli anni '70

Articoli correlati

  • Remo Rossi

    Nutro grande simpatia nei confronti di Romano, una simpatia che si unisce a stima ed ammirazione, perchè conoscendolo ed avendo condiviso con lui un pezzo della mia gioventù ne ho imparato le doti umane e la sensibilità personale. Forse è proprio per questo che mi sento di poter dissentire da questo suo articolo. Io non mi ritengo un anticlericale e da non credente ritengo di dover esprimere il massimo rispetto per il credo di ogni individuo, qualunque esso sia. Quello che invece non riesco ad accettare è il fatto che per alcuni la Chiesa possa esprimersi su qualsiasi questione dalla vita sociale, economica, culturale e tuttavia nessuno possa fare altrettanto nei suoi confronti. Se provi a dire qualcosa sulle posizioni della Chiesa in tema, che so io, di etica, di contraccezione, di fine vita, finisci per essere esecrato come uno che interferisce indebitamente, ma mai che valga il contrario. Anzi la Chiesa dice la sua anche sul mio fine vita, sulle scelte sessuali dei singoli individui, sui matrimoni gay e sulle coppie di fatto. Trovo tutto ciò inaccettabile. E’ a mio modesto avviso un ritorno della Chiesa ad un periodo che francamente ritenevo superato, ad una sorta di integralismo che credevo fosse stato definitivamente abbandonato.
    Ritengo tuttavia che pur partendo da opinioni diverse si possa e si debba tentare il dialogo ed il confronto ed il mio tentativo, ancorchè un pò provocatorio tende a questo, a riaprire il dialogo sulla laicità dello Stato, sulla libertà religiosa che nessuno deve mettere in discussione, in buona sostanza sulla ricerca di un terreno che non preveda prevaricazioni culturali o ricerca di egemonie.
    Cordialmente.
    Remo Rossi

  • Andrea Mazzeo

    Concordo con il sig. Rossi. Si fa un gran parlare di casta oggi nel dibattito politico ma non si dice a chiare lettere che di casta non ce n’è una sola. Tra le tante “caste” esiste la Chiesa Cattolica. Affermare il contrario mi pare davvero assurdo. Citerei volentieri Marx che definì il clero e la religione l’oppio dei popoli, ma accetterei di starmene zitto purchè il dialogo sia vero, aperto e trasparente. Ossia sia accettato il principio che nessuna posizione può essere considerata a priori “verità”. principio a cui so bene da ex cristiano che la Chiesa non accetterà MAI!
    Saluti
    Andrea Mazzeo

  • Beatrice Lorenzoni

    Sincera? Ho letto un link su facebook decisamente esplicativo della situazione…Diceva così: “I bambini somali ringraziano…
    a Madrid sono stati spesi
    € 55.000.000 perché il Papa
    potesse pregare per loro…”. Sarà anche un copia incolla facile, ma effettivamente un fondo di verità c’è…Come dice Andrea, le caste sono molte, di sicuro non c’è solo la Chiesa, ma la Chiesa rimane una di queste. Facile pregare la domenica mattina…ma di persone che hanno voglia di mettersi in gioco, di faticare per costruire ospedali, scuole e quant’altro, e per risolvere i grandi problemi del mondo, ce ne sono davvero poche. Se servisse, pregherei ogni minuto della mia giornata affinché non muoiano quelle 24.000 persone al giorno di fame…
    Poi, proprio il Papa viene a dire che dobbiamo cambiare stile di vita?
    Io sto con gli Indignados spagnoli, e non mi risulta che loro abbiano spaccato qualche vetrina o altro.

  • Angiolo

    Caro Prof. Romano Scaramucci e carissimi commentatori che ne direste di condividere un plauso per Don Andrea Gallo?

  • Remo Rossi

    Mi associo immediatamente alla proposta di plaudire don Gallo

© 2017 Valdichianaoggi.it. Tutti i diritti riservati. | Credits Appare