Informazioni sull’autore

Michele Lupetti

Michele Lupetti

Colui che nel lontano 2006 ideò tutto questo. Beatlesiano da sempre (corrente-Paul Mc Cartney) coltiva strane passioni cinematografiche e musicali mescolando Hitchcock con La Corazzata Potemkin, Nadav Guedj con i Kraftwerk. I suoi veri eroi, però, sono Franco Gasparri, Tomas Milian, Maurizio Merli, Umberto Lenzi... volti di un'epoca in cui sarebbe stato decisamente più di moda: gli anni '70

Articoli correlati

  • Stefano Milighetti

    Ma c’è un avvocato che possa spiegare quali sono le PENE previste dalla legge italiana per chi ha sbagliato a fare i conti e ha combinato questo gran disastro?

  • Antonio Ceri

    il Pd per tentare di salvarsi invece di chiedere ai suoi di dimettersi, prova con la dichiarazione di dissesto a tenere occupate le poltrone della Giunta!

    Ci sono quasi 10 milioni di euro da ripianare !!

    E’ dall’inizio dell’anno che si conosce lo stato di dissesto, ma hanno aspettato le elezioni comunali ed ora cosa farà il PD ?

    Che avranno il coraggio di dire ??
    Aspettiamo anche casi simili non tanto lontani….

  • Gianni Buccelletti

    Personalmente sono dispiaciuto, anche se penso che almeno si e’ fatta finalmente un’assunzione di responsabilità politica. Semmai si può dire che il dissesto sia stato dichiarato in ritardo perdendo tempo nella ricerca di soluzioni improbabili e raffazzonate. Preferisco comunque la dichiarazione di dissesto alle dimissioni che sarebbero state solo un atto di viltà. Stiano al pezzo invece. Onori ed oneri…
    P.S. Mi piacerebbe sapere dal sig. Ceri a quale altro comune si riferisce, se potesse soddisfare questa curiosità…

  • I 100 giorni di una nuova amministrazione sono in genere dedicati a formulare il programma per il futuro dell’ente amministrato. A Castiglion Fiorentino il programma futuro si può così riassumere: adeguamento delle imposte, delle aliquote e delle tariffe di base nella misura massima consentita dalla legge, con qualche eventuale aggiustamento in negativo sulla pianta organica dei dipendenti comunali. A questo siamo arrivati! Dopo che chi parlava dei “conti in rosso” del Comune veniva etichettato come terrorista, ora dobbiamo accollarci l’onere di pagare materialmente i debiti lasciati da un’amministrazione indegna, con l’attuale sindaco allora in veste di assessore al bilancio!
    Affrontiamo con orgoglio questa infamia, riservandoci di far giustizia quando verremo chiamati a decidere sul futuro della nostra città con il nostro voto.

  • Rolando Rossi

    Come Castiglionese provo tanta rabbia nei confronti d coloro ke hanno conciato Castiglioni per le feste! Le ass.ni,i Rioni tutti coloro ke si sono adoperati x il Paese con amore si ricorderanno d voi come la peggior sciagura dopo la peste del 1350! Noi persone x bene pagheremo,anke i ns figli faranno la loro parte per far tornare Castiglioni al posto ke le spetta,con gente onesta e lavoratrice. La legge ce l’impone,Givstizia kiede ke i responsabili paghino d persona x le malefatte. CASTIGLIONI RISOPGERÀ PIU FORTE E BELLA D PRIMA! Compaesani restiamo uniti per il ns Paese e mandiamo a casa ki ha tradito la ns fiducia! Quanto a voi una risata vi seppellirà! W Castiglioni,w la sua gente!

  • Stefano Milighetti

    Ciao Dino, purtroppo non sono d’accordo con te: io non sono disposto a pagare per gli sbagli che sono stati fatti in passato. Già troppi qui nella nostra città hanno pagato con la perdita del posto di lavoro. No, no e ancora NO!!! Troppo comodo partire dal presupposto che se nell’amministrazione pubblica si sbaglia a fare i conti, tanto ci sono i cittadini che metteranno mano al borsello e tireranno fuori i soldi. Troppo comodo per chi sbaglia e troppo ingiusto per chi non è a sedere su una poltrona della politica. Per gli sbagli di pochi adesso tutti dovranno “tirare la cinghia”. Un bel sistema davvero! Non sarebbe più democratico che a pagare sia chi ha sbagliato? Sono il primo a sperare che Castiglion Fiorentino possa tornare al suo massimo splendore, però non è giusto che il sacrificio più gravoso ricada sulle spalle di chi non ha avuto NIENTE A CHE FARE con l’amministrazione della Cosa Pubblica negli ultimi anni. Si licenzia la gente, si aumentano le tasse, i servizi subiscono il contraccolpo… e io dovrei pagare? Eh no! Proprio non ci sto! Chi ha sbagliato deve tirare fuori i soldi perchè in democrazia il politico è al servizio dell’elettore e non il contrario. CHI HA SBAGLIATO DEVE PAGARE!!!

© 2017 Valdichianaoggi.it. Tutti i diritti riservati. | Credits Appare