Informazioni sull’autore

Michele Lupetti

Michele Lupetti

Colui che nel lontano 2006 ideò tutto questo. Beatlesiano da sempre (corrente-Paul Mc Cartney) coltiva strane passioni cinematografiche e musicali mescolando Hitchcock con La Corazzata Potemkin, Nadav Guedj con i Kraftwerk. I suoi veri eroi, però, sono Franco Gasparri, Tomas Milian, Maurizio Merli, Umberto Lenzi... volti di un'epoca in cui sarebbe stato decisamente più di moda: gli anni '70

Articoli correlati

  • Oberdan nadrebO
  • Guido Guerrieri

    Nel collegamento con Radio Deejay in effetti Jovanotti ha fatto una splendida pubblicità all’amministrazione comunale, dicendo che ha preso in affitto la fortezza tanto tutto il resto dell’anno il Comune e nessun altro ci fanno mai niente…

  • Gaetano Rossi

    Il Sindaco ha dato una risposta egregia con lo stile che lo contraddistingue, con educazione e mai lasciandosi alla polemica
    se i Comuni non fanno c’è chi protesta
    se fanno arrivano accuse diverse ma sempre accuse
    c’è chi ha la polemica sempre in tasca e un musicista come Attesti, che è un personaggio pubblico, dovrebbe pensarci prima di infangare la propria città..
    operazioni come queste sono pubblicità intelligente a costi ridottissimi
    Cortona per fortuna scalerà altre vette
    perchè da sempre c’è chi si impegna per questo fine

  • ringrazio il sindaco Vignini e i Cortonesi per permettere a me e alla mia squadra di utiiizzare il bastione della Fortezza per le prove del nostro tour. E’ una bella cosa questa, non ci sono ombre, solo voglia di fare cose belle.

  • Francesco Attesti

    Riscontro varie imprecisioni nell’articolo, intrise da una abile arte di spiegare a metà le cose, di svelare verità più o meno ovvie unite a omissioni più o meno volute.
    Non dovrebbe essere mio compito ricordare al sindaco che nel 2008 esisteva già il patto di stabilità da vari anni ed era già operativo, forse non così stringente come dal 2009 in poi, ma pur sempre presente. Troppo spesso le amministrazioni comunali, compresa Cortona, si sono trincerate dietro a questa scusa per bocciare progetti più o meno utili alla propria causa politica.
    Davvero lei pensa che Cortona possa avere una ricaduta turistica positiva venendo citata nelle interviste radiofoniche come “sala prove” per un tour di un cantante? Io non ne sarei così sicuro, ma lei è libero di crederci.
    Negli ultimi anni ho avuto l’impressione che molte volte si sia “navigato a vista”, senza avere bene in mente una strategia ben precisa. Si è colta qualche occasione, ma non si è saputo mai far interagire la cittadinanza con i grandi eventi, il Tuscan è stato l’esempio più eclatante.
    Sembra inoltre essere poco consapevole che molti artisti cortonesi hanno difficoltà a relazionarsi per promuovere i propri progetti e trovare spazi. La sensazione generale è che si sia sposata solo la causa della personalità che ha più visibilità mediatica. D’altra parte ognuno può ergere a paladino della cultura chi vuole.
    Vorrei per ultimo rispondere al Sig. Rossi, avere una opinione diversa dalla sua non significa “infangare” la città; il pensiero artistico deve essere scevro da attivismo politico, altrimenti “l’arte” diventa altro e si chiama servilismo.

  • Gaetano Rossi

    Egregio signor Attesti
    quando c’è un concerto di musica classica promosso da enti pubblici normalmente i costi sono totali o quasi a carico del pubblico; quindi chi paga? noi tutti.. (anche se ascoltano in 10 e il concerto costa 5.000 euro)
    ma è giusto farlo..
    penso che andare a cercare il “chi paga” oggigiorno è la domanda più demagogica che si possa fare..
    nel caso di Jovanotti il suo contributo all’immagine di Cortona è innegabile e chi è protagonista del mondo musicale non può che proporre, fare ed eventualmente lamentarsi se non è trattato in pari modo..
    non tirare le freccette…

  • Ivo Camerini

    Come tutti sappiamo Jovanotti è da molti anni una personalità di livello internazionale e ritengo che il Sindaco abbia davvero fatto bene a legarlo pubblicamente alla sua e nostra città anche con il progetto fortezza.Se l’Amministrazione ha sostenuto qualche spesa, in questo caso ha ben speso! Tutti i cortonesi veri devono essere grati a Lorenzo Cherubini per questo suo supplemento di amore a Cortona e al Sindaco Vignini per averlo agevolato. Purtroppo viviamo tempi brutti ( i latini dicevano: mala tempora currunt…)ma Lorenzo e Andrea guardano al futuro con speranza e sono sicuro che continueranno a farlo nostante gli attacchi. Io mi domando: ma non sarebbe ora di smetterla con le polemiche fine a se stesse e con la moda dell’esasperato individualismo per cui ognuno dice che è bravo solo lui e tutti gli altri sono nullità? Io ritengo che il bene della nostra piccola patria venga prima di quello personale e che se una personalità, italiana o non, ricevesse dall’amministrazione comunale un benefit per legare ancora di più il suo nome a quello di Cortona la cosa sarebbe di vantaggio alla promozione di Cortona. Queste cose le fanno in ogni parte del mondo e solo chi non vuol vedere, non vede il bene. Quindi grazie ad Andrea per la sua puntualizzazione, ma grazie soprattutto a Lorenzo Cherubini per sentirsi cortonese e voler bene alla sua e nostra Cortona.

  • Alssio Nanni

    A proposito della Fortezza MI ricordo una 20 di anni fa da Giovane con tanta voglia di fare , mi presi la responsabilita’ di Occupare la Fortezza di Girafalco con l obbittivo la Valorizzazione della Fortezza di Girafalco (Struttura sottoutilizzata fino ad oggi ,da Valorizzare Urgentemente ) Con la creazione di un Soggetto Gestore ) mi sembrava logico che un monumento di tale grandezza e magnificenza poteva essere una risorsa per la comunita ‘ in termini di occupazione e di economia generale . Se questo Stupendo Monumento fosse in un altro paese dell europa ( Svizzera , Germania , Austria , ecc ci lavorerebbero da 25 anni un centinaio di persone , e questo darebbe l opportunita’ di lavoro e di benessere della comunita’ .Creando un soggetto gestore finalizzato alla Sfruttamento e valorizzazione di un bene comune dovrebbe essere un obbiettivo primario per tutte le comunita’, Nella Fortezza c’ e’ abbastanza spazio per fare molte attivita Potremmo creare un hostello per giovani , Queto comune e tagliato fuori dal turismo giovanile per chiare scelte politiche , (vogliono solo ricchi uomini di affari ), per i giovani non c’ e’spazio per la cultura e la storia ed il turismo , lhostello dotato di tutti i sevizi necessari ,creare delle sale pubbliche multimediali per i giovani della nostra comunita’ ( Abbiamo una Bibblioteca che fa pena veramente attrezzata da terzo mondo ) sale per mostre d’arte , cioe creare uno spazio dinamico , dove ci sono frequentatori per vari motivi tutto l arco dell’ anno , Ricapitolando : Valorizzazione di un bene comune di Grande Valore , Occupazione , Attivita Culturali a pieno Ritmo . Manca solo la volonta ‘ Politica . Saluti Alessio Nannni

  • Elisabetta Biancamini

    Sono d’accordo con le considerazioni del signor Attesti.
    Dovete essere proprio messi male se vi aspettate “Pubblicità” solo da un cantante per la vostra bellissima città. Ma il mondo va avanti a spot, facebook, twitter e yeah! non mi stupisco. Comunque mi auguro che la Fortezza sia impiegata per il bene della vostra comunità

  • Donato Apollonio
  • Remo Rossi

    Credo che valorizzare un bene comune sia sempre una cosa positiva. Il Fatto che l’Amministrazione Comunale abbia recuperato una parte della Fortezza di Girifalco debba essere visto come un merito e non come un crimine. Le strutture recuperate debbono poi essere utilizzate perchè il recupero possa considerarsi compiuto. Dalle cose che scrive Vignini mi pare di capire che il manufatto recuperato sia a disposizione della comunità, di chi ha idee e voglia di utilizzarlo in modo consono e corretto. Nelle righe del Sig. Attesti mi sembra di cogliere solo voglia di polemica, di una sorta di “gelosia” nei confronti di Lorenzo Cherubini. Diverso sarebbe il discorso se ci trovassimo di fronte a rifiuti nei confronti dell’uno al fine di favorire l’altro, ma allo stato delle cose ciò non sembra apparire.

© 2017 Valdichianaoggi.it. Tutti i diritti riservati. | Credits Appare