Informazioni sull’autore

Michele Lupetti

Michele Lupetti

Colui che nel lontano 2006 ideò tutto questo. Beatlesiano da sempre (corrente-Paul Mc Cartney) coltiva strane passioni cinematografiche e musicali mescolando Hitchcock con La Corazzata Potemkin, Nadav Guedj con i Kraftwerk. I suoi veri eroi, però, sono Franco Gasparri, Tomas Milian, Maurizio Merli, Umberto Lenzi... volti di un'epoca in cui sarebbe stato decisamente più di moda: gli anni '70

Articoli correlati

  • mario soriente

    Tutto meno che cemento e asfalto.
    Ora saro provocatorio io!!!
    Perche non realizzare il progetto originario indicato a suontempo., dai gruppi di lavoro del PD e cioè Verde Pubblico??
    Poante dibalto.fistona circondare tutta la zona , con panchine , giochi e una strada checattraverso la zona Felici, colleghi.il parco.al fiume Esse, con lecsue splendide piste ciclabili!!!!
    Utopia Vero?????

  • Remo Rossi

    Non è utopia Sig. Mario, è quello che in realtà serve. A questo aggiungerei percorsi protetti che “ricuciano” la maialina con i giardini di via XXV Aprile e con Piazza Sergardi pedonalizzata e riportata ad area verde urbana.

  • Lina Bartelli

    Più che un commento mi limito in questa sede a fare il classico “copia/incolla” di una tranche del programma elettorale dell’allora Candidato Sindaco di Forza Italia Teodoro Manfreda :
    – “ L’insalata era nell’orto”
    Un progetto nuovo che porterà a legare il mondo dell’agricoltura al Sociale, come?
    Rendere fertile il terreno pubblico o privato inutilizzato: proponiamo una mappatura di questi terreni,le proprietà, l’individuazione di quelli più idonei al nostro progetto e la creazione di orti sociali da assegnare a pensionati che ne facciano richiesta, a giovani che desiderino iniziare una piccola attività o ancora a Scuole di ogni ordine e grado che possano inserire nel loro programma didattico alcune ore destinate ad un progetto sperimentale denominato “ L’insalata era nell’orto…”
    Sarà cura dell’Amministrazione comunale garantire l’incontro tra domanda ed offerta.
    Le concessioni degli orti sociali potranno essere richieste da soggetti singoli o da Associazioni o gruppi di persone al Comune ed avranno una durata di almeno quinquennale ; i prodotti degli Orti Sociali potranno avere una destinazione di uso personale, o essere inseriti nel progetto di cui abbiamo parlato là dove il Conduttore dell’Orto Sociale ne faccia richiesta e i prodotti presentino natura o caratteristiche adatte.”
    Saremmo lieti che l’Amministrazione Comunale dimostrasse di aver letto i programmi degli “avversari” e deo gratia, ne prendesse spunto!
    Abbiamo segnali positivi verso altri punti del citato programma elettorale e speriamo che l’esempio di Arezzo con l’amico Ghinelli, sia presto imitato..attendiamo fiduciosi.

© 2017 Valdichianaoggi.it. Tutti i diritti riservati. | Credits Appare