Informazioni sull’autore

Michele Lupetti

Michele Lupetti

Colui che nel lontano 2006 ideò tutto questo. Beatlesiano da sempre (corrente-Paul Mc Cartney) coltiva strane passioni cinematografiche e musicali mescolando Hitchcock con La Corazzata Potemkin, Nadav Guedj con i Kraftwerk. I suoi veri eroi, però, sono Franco Gasparri, Tomas Milian, Maurizio Merli, Umberto Lenzi... volti di un'epoca in cui sarebbe stato decisamente più di moda: gli anni '70

Articoli correlati

  • Domenico Nucci

    Le occasioni di dialogo, mi permetterai, sono una supercazzola.
    Così come la tolleranza.
    Noi occidentali la dobbiamo smettere di sentirci in colpa con loro.
    Questa è una guerra e in guerra ti devi armare e rispondere al fuoco.

  • Michele Lupetti

    La supercazzola c’è quando c’è il vuoto della politica, che fa solo le chiacchiere, dice le cose che ho scritto io ma poi non agisce in quella direzione. Anche su scala locale si potrebbe organizzare qualcosa per far incontrare e conoscere comunità diverse e non farle vivere nelle divisioni e nel mistero dell’altro, che poi è il primo passo per avere paura e odiare
    Magari due giorni in meno di iniziative sul Natale (ormai si inizia a farle a Ottobre…) e due cose in più di civiltà farebbero comodo
    Per il resto ci sono gli Eserciti e la politica estera e internazionale, che finora ha risolto molto poco, anzi ha multiplicato i guai. La Guerra se c’è, la deve combattere chi di dovere. Quest’aria da crociate (che finirà entro 48 ore) in cui si dovrebbe prendere tutti le armi, peraltro incitati da personaggi che neanche arriverebbero in Siria con fisico che c’hanno (morirebbero durante il trasferimento) è veramente una baggianata

  • Domenico Nucci

    Lupetti ma ti rendi conto che per loro siamo tutti cani infedeli e maiali e dobbiamo tutti soccombere al loro grido di morte.
    Ti rendi conto che, se non reagiamo con la forza, questi ci fanno saltare tutti.
    Aveva ragione la inascoltata Fallaci.
    E tu proponi su scala locale qualcosa per far incontrare e conoscere “comunità diverse”?
    Noi continuiamo ad accogliere i clandestini, facciamo finta di non vedere e vedrai come va a finire!
    Dobbiamo reagire altro che “ci manca il fisico”

  • Michele Lupetti

    Lei fa confusione fra chi è di religione musulmana e chi è terrorista nel nome di quella religione.
    Con i secondi va certo combattuta una guerra senza quartiere, abbiamo tutti i mezzi (eserciti, sistemi anti-terroristici ecc) coi primi va instaurata una civile convivenza, perché a mio avviso questa è l’unica strada possibile e di progresso per l’umanità tutta
    Confondere i due piani è esattamente quello che vogliono i terroristi, è un errore che dobbiamo evitare
    Che poi i primi a spingere in questa direzione autodistruttiva per noi occidentali sono pure questi ‘Crociati’ da tastiera che non che arriverebbero neanche vivi in Siria, col fisico che si ritrovano e anzi, le dico di più, se davvero ci fosse una guerra ci lascerebbero da soli (a me e a Lei) con le armi e il cerino in mano

  • Giancarlo Bellincampi

    Certo, se culture diverse si incontrano e si capiscono tutti possono trarne grande vantaggio, quindi da cittadini intelligenti dobbiamo operare in tal senso, ma non dobbiamo guardare il dito che indica il problema, ma piuttosto la luna e capire di conseguenza che qualcuno ci ha dichiarato guerra, che sia fatta col terrorismo o con eserciti schierati, e alla guerra è necessario rispondere con la guerra sul piano strategico-militare e con la diplomazia, come si è sempre fatto, superando i mille interessi particolari che intrecciano da secoli le relazioni fra l’occidente ed il medio oriente.
    Prendiamo atto del fatto che, a prescindere dalla nostra volontà, siamo in guerra e combattiamola più efficacemente e rapidamente possibile, certi del fatto che i vincitori saremo noi, se avremo il coraggio e la lucidità di capire che non abbiamo alternative.

  • Domenico Nucci

    Noi siamo cani infedeli e maiali per l’islam, non solo per quei maiali che in nome della guerra santa hanno fatto la carneficina a Parigi.

    Siamo in guerra, Lupetti, e i buonisti i tolleranti i dialoganti e le varie anime belle, sono soltanto loro complici.

  • Dorando Simeoni

    La cultura di una parte del mondo islamico è rimasta al medioevo!! La “loro” guerra non è soltanto contro il mondo occidentale ma anche contro il mondo mussulmano, contro i sciiti in particolare e non a caso i loro grandi finanziatori sono l’Arabia Saudita e il Qatar, sedicenti paesi amici dell’occidente, o meglio degli Stati Uniti. Un politologo ha scritto che oggi gli USA governano il mondo attraverso il disordine mondiale, è proprio fantapolitica? Se guardiamo l’attuale politica estera degli USA è incomprensibile mentre quella della Russia e dell’Iran, giusta o sbagliata che sia almeno è chiara. I cannoni delle truppe armate da Obama sparavano sull’esercito di Assad anziché sull’ISIS e i Turchi invece sparano sui Curdi, insomma un gran casino. Sono anni che la situazione è lasciata al caso e sta montando come la panna e ad ogni attentato si ricomincia con la solita solfa del non ci piegheranno, non ci arrenderemo ecc… ma per fare questo serve un intervento concordato con l’ONU di tutte le nazioni interessate al conflitto UE compresa. Non basta secondo me, sparare dal cielo, occorre controllare il territorio e quindi una risposta militare di terra come avvenne nel Kuwait occupato da Saddam, sia in Iraq-Siria che in Libia, altrimenti rischiamo di uccidere i civili e non i terroristi dell’ISIS, con le sole incursioni aeree. Questa situazione è però stata creata da USA, Francia e Inghilterra in particolare, sia nel medio-oriente che nel nord Africa. Berlusconi almeno una volta ha avuto ragione sul fatto che non bisognava intervenire in Libia ed io penso che nemmeno la democrazia dovevamo esportare, adesso però che il macello è fatto serve una risposta efficace e rapida. Poi come dice Michele dobbiamo anche fare iniziative culturali per spiegare meglio la cultura del dialogo e della tolleranza, ma anche il fatto che l’accoglienza ed il terrorismo sono due cose ben diverse, mentre qualcuno si diverte a mischiarle per creare confusione e consenso elettorale. Cordoglio al popolo francese.

  • Paolo Alpini

    Lupetti non se la prenda, ma francamente mi dà ai nervi sentire una proposta di questo genere all’indomani di accadimenti così gravi.
    Infatti non vedo come possano risultare utili tali incontri: caro Lupetti la tolleranza non è un concetto complicato, c’è poco da insegnare.
    Quanto ai dialoghi interculturali: sono secoli che viviamo a contatto con l’Islam, le occasioni di dialogo non sono certo mancate.
    Non discuto le sue più che lodevoli intenzioni, tuttavia la invito a considerare quale risultato si possa realisticamente ottenere dando seguito alla sua proposta. Le rispondo io: NESSUNO, salvo quello della solita serata ben riuscita, con buona affluenza ed un bel dibattito interessante.
    Beh … di questa roba inutile ne ho le tasche piene. Lei no?
    Nel concreto, ora si tratta di garantire sicurezza!
    Mi permetto una considerazione personale, un po’ scomoda: fossi un francese sarei molto preoccupato, perché quel paese mi pare in difficoltà nel fronteggiare il terrorismo di matrice islamica. A mio parere è possibile che la massiccia presenza di nutrite comunità islamiche in Francia divenga oggi un ostacolo concreto in quest’ottica: temo che tale circostanza complichi non poco le attività di prevenzione e di intelligence. Sarà bene che tale considerazione non sfugga a chi ha responsabilità di governo e di ordine pubblico in Francia e altrove.

  • Michele Lupetti

    Io credo che per guerre e iniziative anti-terrosismo, quanto mai necessarie e doverose in questo momento, ci siano gli eserciti e i servizi di intelligence. Poi c’è il mondo, che ormai è enorme e variopinto. Non c’è neanche più bisogno di andare a Roma o a Milano per vedere il ‘melting pot’, basta andare in qualche quartiere dei nostri piccoli paesi Quale sarebbe allora la strategia da prendere? Espellere dal nostro paese chiunque è di fede islamica perchè ‘potenzialmente’ è pericoloso?
    Mi pare un filino irrealizzabile

  • Paolo Alpini

    Lupetti sia gentile, ho parlato di possibili problematiche auspicando che chi di dovere valuti la loro reale incidenza e se del caso intervenga; non mi sono sognato di suggerire contromisure di alcun genere. Quelle che ha ipotizzato sono il frutto della sua immaginazione, non della mia.
    Certo mi auguro che i nostri governanti ritengano la sicurezza nazionale una priorità.
    Non condivido l’assimilazione tra la situazione francese e quella oggi riscontrabile in Italia, addirittura nei piccoli paesi. Reputo le funzioni di controllo e polizia molto più agevoli in e queste nostre realtà che nelle banlieue parigine.
    Chi ha responsabilità di ordine pubblico deve valutare l’incidenza di tali aspetti e se del caso impedire il formarsi di situazioni problematiche

  • Giancarlo Bellincampi

    Quando Al Bagdadi circa un anno fa proclamò che il suo obiettivo era quello di far sventolare la bandiera dell’Islam su San Pietro mi scappò di dire che forse fra un secolo la nostra Piazza Garibaldi avrebbe potuto chiamarsi Piazza Al Bagdadi, perché l’ISIS agli occhi del mondo futuro avrebbe potuto presentarsi, come i “mille” liberatore di un popolo, quello islamico mediorentale, dall’oppressione e dallo sfruttamento dei cristiani occidentali. Speriamo di no, ma cerchiamo di capire quello che abbiamo fatto contro di loro nell’ultimo millennio e che continuiamo a fare, considerandoli una specie inferiore da sfruttare. Se noi abbiamo avuto l’illuminismo e quindi la democrazia lo dobbiamo in gran parte allo sviluppo economico dovuto allo sfruttamento che abbiamo perseguito nei riguardi del mondo intero.
    Questo non vuol dire che si debbano tollerare le azioni di guerra e parteggiare per il nuovo “Garibaldi”, ma che si deve operare su due linee parallele: (1)tornare a casa nostra lasciando gli altri popoli vivere come possono e vogliono senza cercare di imporre la nostra cultura antropologica e politica e soprattutto smettendo di sfruttarli come ancora facciamo; (2) una volta che questo diventa operativo e chiaro da parte di tutto l’occidente rispondere agli attacchi con la determinazione necessaria in ogni guerra, giusta o sbagliata che sia, per difendere le nostre vite e la nostra tranquillità.

  • Annalisa

    Ciao,
    bella la tua lettera. Credo che tutto quello che ha scitto è vero ed importante.
    Ma io ho paura e credo che tutti noi abbiamo paura.
    Ho paura per il futuro ns e dei ns figli, a come potremmo ridurci, a dove dovremmo scappare per trovare serenità. E poi mi domando come mai una minoranza così piccola di persone, possa fare tutto questo? Possibile con i mezzi che abbiamo oggi non riusciamo a fermarla? Queste domande mi turbano, perchè non riesco a trovare risposta e soprattutto mi risultano piene di mistero. Grazie mille Annalisa

© 2017 Valdichianaoggi.it. Tutti i diritti riservati. | Credits Appare