Informazioni sull’autore

Michele Lupetti

Michele Lupetti

Colui che nel lontano 2006 ideò tutto questo. Beatlesiano da sempre (corrente-Paul Mc Cartney) coltiva strane passioni cinematografiche e musicali mescolando Hitchcock con La Corazzata Potemkin, Nadav Guedj con i Kraftwerk. I suoi veri eroi, però, sono Franco Gasparri, Tomas Milian, Maurizio Merli, Umberto Lenzi... volti di un'epoca in cui sarebbe stato decisamente più di moda: gli anni '70

Articoli correlati

  • Sono d’accordo ;spettacolarizzare non ha niente a che fare con informare,fare cronaca,dibattere.Uno spettacolo è una finzione e quindi ciò che diviene spettacolo è improbabile che possa corrispondere all realtà.Inoltre non è produttivo per nessuno ,ancor meno per il cittadino che si avvicina alle trasmissioni televisive del genere di cui trattiamo con una sorta di piacere e di curiostà che nulla ha a che fare con la partecipazione “attiva”alla politica.Considero tutto ciò un’incidenza molto negativa e nella vita della nostra politica e in quella dei cittadini che potrebbero dedicare del tempo ad altro,alla propria vita,magari ad un buon libro,magari a della buona musica.Credo che recuperare i propri spazi gioverebbe alla stessa politica,agli stessi politici.Lucia Bianchi.

  • SERBO RANCORE

    Prima di imbattermi sul tuo articolo, scorrevo distrattamente i vari post su FB, molti dei quali, notavo, erano riferiti alle sparate quotidiane dei vari Tizio e Caio della politica.
    Leggendo “Ma vi rendete conto di cosa ha detto Letta oggi??”, mi sono risposto che non lo sapevo e che non me ne importava proprio nulla poichè ho cose molto più importanti e necessarie a cui pensare durante le mie giornate.
    La stessa presa di coscienza ricordo di averla avuta quando mi sono reso conto di aver smesso di seguire con interesse e continuità le vicende calcistiche. Infatti, crescendo e tentando di costruirmi una vita, ho progressivamente non avuto più tempo a disposizione per leggere i giornali sportivi, interessarmi del calciomercato, oppure seguire interessantissime trasmissioni come “Eurogol”, su raidue, rotocalco settimanale che mostrava gli high-lights dei campionati esteri europei.
    Il progressivo trasformarsi della politica in semplice intrattenimento quotidiano per masse di telespettatori/cittadini annoiati, rappresenta la vera morte/suicidio della democrazia moderna. Senza alcuna preparazione, chiunque è libero di parlare di un qualcosa che non conosce realmente bene e la leggerezza con cui tale argomento viene presentato dai mezzi di informazione da diritto ad ogni stronzo, di pontificare con sufficienza, pressapochismo e superficialità, su qualsiasi questione.
    Lo svilimento dei contenuti non fa altro che declassare l’importanza delle questioni politiche rispetto alle urgenze della normalissima quotidianità di un qualsiasi uomo medio, portando ogni cittadino a distaccarsi progressivamente dalla cosa pubblica.
    Come accadde al pugilato, col tempo, l’avidità dell’uomo ha trasformato in pantomima uno show, che diviene pian piano talmente posticcio e inverosimile da non smuovere più nessun telespettatore ad intervenire per riportare le cose su di un piano più dignitoso.
    Il popolo o si lascia cullare da una telenovela/reality in grado di riempirgli il tempo libero, oppure preferisce impegnare le energie fisiche e mentali in altri modi, tralasciando o dimenticandosi di ciò che un tempo era, senza stare a discutere in che misura e fino a che punto, il sistema che gestiva ufficialmente le questioni legate alla convivenza in collettività del genere umano (o per lo meno, di una buona fetta di esso).
    Oggi, dicendomi di non sapere di cosa avesse parlato così a sproposito Letta, poichè avevo ovviamente troppe cose più importanti di cui preoccuparmi (una delle quali era scaricare “Vulgar Display Of Power” dei Pantera), ,mi sono sentito un ingranaggio di questa realtà e ciò mi ha turbato molto.

    SOLO ODIO

© 2017 Valdichianaoggi.it. Tutti i diritti riservati. | Credits Appare