Informazioni sull’autore

Articoli correlati

  • ivo fabrizi

    ma va? un cittadino rumeno? se qualcuno che la settimana passata mi chiese dove prendo i dati secondo cui la stragrande maggioranza di stranieri è in Italia per delinquere rispondo così…cucu…ci risiamo e pure questi furti chissà che gira gira li prendono e magari confermano i miei timori…spero che questo qualcuno risponda…grazie laura per l’articolo..saluti

  • Gianluca Padovani

    Ad Ivo potre dire che nello stesso giorno migliaia di rumeni sono andati a lavorare onestamente.
    Se i tuoi dati statistici sono le notizie, potrei suggerirgli di guardare l’articolo delle ore 13.39…..ma va? Cucù un Italiano!

  • Sergio Burbi

    1000 A lavorare onestamente e 1 milione a rubare a destra e sinistra..
    Caro Gianluca l’articolo da te menzionato parla di un napoletano, considero alcune di queste persone peggio dei rumeni, spacciano droga, contrabbandono sigarette, estorgono ecc ecc.

  • ivo fabrizi

    al sig gianluca rispondo che è un vecchio discorso con una certa persona e non capisco cosa c’entra lei… comunque per educazione le espongo la mia linea…. chi viene per lavorare onestamente e si comporta bene è il benvenuto ma chi,e purtroppo sono la maggioranza,viene a delinquere…sacco e strada.che tornino pure a casa sua non ci mancheranno anche per rispetto ai loro concittadini onesti che meritano attenzione… questo è il mio pensiero e credo sia il pensiero di parecchia gente…saluti

  • Donato Apollonio

    Il Sig. Gianluca ha tutto il diritto di rispondere. lo spazio dei commenti è aperto a tutti. ogni contributo scritto con spirito construttivo e nel rispetto dell’altrui opinione arricchisce il discorso. Quindi grazie Sig. Gianluca per aver espresso il suo pensiero.

  • ivo fabrizi

    la questione però resta….a casa chi viene a delinquere e aiutare gli onesti ma forse l’argomento da fastidio…….ai soliti noti

  • Donato Apollonio

    “Tra immigrati e italiani stesso tasso di criminalità”
    http://www.repubblica.it/politica/2010/01/28/news/immigrati_e_criminalit-2107183/
    Spero che questo articolo di Repubblica basato su dati dell’Istat e quindi oggettivi contribuisca ad allontanare lo spettro della xenofobia e a fugare le chiacchiere e i pregiudizi basati su osservazioni empiriche

  • Sergio Burbi

    Caro Donato, peccato che l’articolo da te inserito risalga al “28 gennaio 2010”, da Gennaio 2010 ad oggi 15 Dicembre 2012 le cose sono un po cambiate e il merito va anche all’Attuale Governo.

  • Donato Apollonio

    In due anni ci può essere stata al massimo una variazione di qualche punto percentuale. sicuramente non abbiamo un milione di immigrati che commettono crimini. e secondo me non è affatto detto che la variazione sia a sfavore degli immigrati per varie ragioni.
    Sfatiamo quindi questi luoghi comuni sottolineando, dati alla mano, che i criminali sono equamente distribuiti tra italiani e stranieri e che gli immigrati che commettono crimini sono l’1,4% che è un numero lontanissimo dal 50%. non è affatto vero pertanto che la maggioranza degli stranieri (quindi olter il 50%) è qui per commettere crimini.
    E cerchiamo di essere più aperti verso le altre culture.
    Consiglio la lettura di questo mio articolo sperando che sia illuminante
    http://www.valdichianaoggi.it/blogs/il-bisbetico-donato/c-erano-un-cortonese-un-valdarnese-un-pugliese-e…-un-uomo-senza-basette-7102398.html

  • Sergio Burbi

    Caro Donato vedo che hai rimesso lo stesso link, cioè “C’erano un cortonese, un valdarnese, un pugliese e… un uomo senza basette”… ti rispondo dicendo: Che non puoi scrivere “Cortonese, Valdarnese e un Pugliese” perché questo e “Campanilismo..” mentre qui si sta parlando di “Cortonesi, Napoletani, Albanesi, Ucraini, Rumeni, Tunisini ecc. ecc… la differenza è questa.
    E non credo che a distanza di 2 anni la differenza è minima, vedi molti fatti che succedono in tutto il resto d’Italia, Mussulmani che uccidono le loro mogli perche non portano il velo, Rumeni che irrompono nelle case massacrando i padroni di casa, Somali che stuprano le nostre donne Italiane… ecc ecc.
    Ripeto, da una parte siamo fortunati, che nel nostro territorio queste cose non succedono con frequenza, e, ci auguriamo che non succedano in futuro, ma penso che con la crisi economica, la mancanza di lavoro, tasse sempre piu alte (per chi le paga!!) e quant’altro, si arrivi al peggio.

  • Donato Apollonio

    ho messo il link a quell’articolo perché spesso accade che chi è ostile verso gli stranieri lo è anche verso i meridionali. addirittura anche i valdarnesi hanno difficoltà ad integrarsi per stupide rivalità tra chianini e valdarnesi.
    Tu dici “nel nostro territorio queste cose non succedono con frequenza”. è quello che dico anch’io. anzi io direi che succedono veramente di rado. e quando succedono una volta su due, dati alla mano, è stato un italiano

  • ivo fabrizi

    chi è ostile non lo è perche uno è straniero o meridionale,lo è perche i delinquenti vanno pouniti non difesi a spada tratta….chi sbagli a casa senza nessuna scusa…. sergio è inutile evidentemente certi argomenti danno fastidio

  • Sergio Burbi

    Voglio concludere il discorso chiedendoti se tu hai avuto modo di lavorare in fabbrica, come ho fatto io per 14 anni, stando a contatto con queste persone di vari etnie, meridionali o extracomunitari, una volta che lo avrai vissuto, vedrai che dopo ragioni e pensi diversamente…

  • Donato Apollonio

    x Sergio: non sono mai stato in fabbrica quindi non posso dire nulla ma nella mia vita moltissime volte ho vissuto a stretto contatto con stranieri e sono state sempre esperienze bellissime da cui ho imparato molto.
    x Ivo: se ti riferisci a me, io non difendo nessun delinquente e non capisco da quale mia frase tu lo deduca. ho soltanto dimostrato con i dati oggettivi dell’ISTAT riassunti nell’articolo di Repubblica che ho linkato, quanto sia enormemente lontana dalla realtà la tua frase “basta guardare i dati una enorme maggioranza di stranieri è in italia per delinquere sarà ora o no di metterci un freno?”. in base a quei dati, infatti, si evince, lo ripeto, che i delinquenti sono equamente distribuiti tra italiani e immigrati e gli immigrati che delinquono (così come gli italiani) sono solamente l’1,4% e quindi ben lontani dalla “enorme maggioranza” che tu dici! Addirittura al di sopra dei 40 anni il tasso di criminalità è maggiore tra gli italiani!
    E come vedi non ho alcun “fastidio” a descrivere la realtà.

© 2017 Valdichianaoggi.it. Tutti i diritti riservati. | Credits Appare