Informazioni sull’autore

Michele Lupetti

Michele Lupetti

Colui che nel lontano 2006 ideò tutto questo. Beatlesiano da sempre (corrente-Paul Mc Cartney) coltiva strane passioni cinematografiche e musicali mescolando Hitchcock con La Corazzata Potemkin, Nadav Guedj con i Kraftwerk. I suoi veri eroi, però, sono Franco Gasparri, Tomas Milian, Maurizio Merli, Umberto Lenzi... volti di un'epoca in cui sarebbe stato decisamente più di moda: gli anni '70

Articoli correlati

  • Giuseppe Rossi

    Walter non cadere anche tu nella trappola emotiva provando rimorso per gli impianti a terra.
    Ti ivito vivamente a leggere la puntata n° 9 del 19 dicembre, che ho pubblicato nei commenti della Home Page di SOS rinnovabili. Su quel settore i nemici delle rinnovabili ci stanno già slealmente massacrando, bisogna stare molto attenti a non prestare il fianco, altrimenti è finita. Io sono Giuseppe e su invito di Denis, ho fatto una trattazione ad ampio spettro sulla questione energetica, pubblicando appunto 10 commenti (puntate)
    Saluti

  • Gianluca

    Sig. Rossi credo sia legittimo auspicare che prima di consumare suolo verde bisognerebbe impiegare quello già cementato visto peraltro che ci sono ettari ed ettari di capannoni disponibili (buona parte con tetti in eternit da sostituire peraltro). Io credo che gli incentivi dovrebbero essere incanalati esclusivamente in quella direzione, poi esaurita tale possibilità parliamo senza pregiudizi delle altre opzioni di impianto. La geometria purtroppo non è una opinione. Il mondo ha una superficie finita non in espansione. Etichettare come ‘nemici delle rinnovabili’ chi sottolinea i modi meno impattanti di applicarle a parità di produzione energetica mi pare un pò troppo. Se invece con tale termine si riferisce a quelli che per esempio sono contro la distruzione delle foreste indonesiane per piantare palma da olio per poi trasportare l’olio a 10.000 km di distanza per bruciarlo in località Renaia per produrre pochissima energia in più di quella che hanno consumato, tanto ci sono gli incentivi, allora non si tratta di nemici delle rinnovabili, ma di coloro che sono contrari a cose che di rinnovabile non hanno un bel nulla.
    GIANLUCA PADOVANI

  • Gianfranco Rossi

    Valter ti faccio presente che ARPAT in sede di autorizzazione unica per un impianto a biogas dove erano previsti anche l’uso di reflui zootecnici, ha atttestato che, interpretando l’ultima modifica del TU sull’ambiente (D.Lgs 152/2006), nel caso che i reflui vengano destinati a digestione anaerobica, il digestato verrebbe considerato rifiuto.
    Forse è opportuno porre un quesito in merito all’assessore Cutini.
    saluti

© 2017 Valdichianaoggi.it. Tutti i diritti riservati. | Credits Appare